Recensione WRC 10 – La penultima possibilità di Nacon di battere Codemasters

Hai sentito che Codemasters acquisirà la licenza WRC nel 2023? Ciò significa che WRC 10 è probabilmente il penultimo titolo della serie di Nacon e KT Racing. Questi giochi saranno ricordati con nostalgia? Credo di sì, nonostante i loro difetti.

Se sei un giocatore di Steam, stai per assistere a una situazione bizzarra. WRC 9 arriverà nel tuo negozio il 16 settembre, mentre WRC 10 sarà disponibile… due settimane prima. Come è potuto accadere? Questo perché la nona puntata della serie di Nacon (ex Bigben) doveva essere un’esclusiva di Epic Games Store per un anno. Quindi, lascia che risponda alla domanda che potrebbe averti attraversato la mente in questo momento. No, non c’è motivo di scegliere WRC 9 su Steam ora, quando WRC 10 è dietro l’angolo. Il nuovo gioco è semplicemente più grande e (per la maggior parte) migliore.

Non così ricco come può sembrare

PROFESSIONISTI:

  1. guidare è ancora pura gioia, soprattutto nelle auto 4WD su ghiaia;
  2. grandi prove speciali, più varie che mai grazie all’aggiunta di rally storici;
  3. coinvolgente e ricca modalità Carriera (con diverse novità);
  4. La modalità Anniversario è un’aggiunta preziosa alla carriera…

CONTRO:

  1. …ma dovrebbe avere tappe più varie e difficoltà equilibrate;
  2. politica pigra e avida di aggiungere nuovi contenuti;
  3. c’è ancora spazio per importanti miglioramenti in fisica;
  4. grafica obsoleta e altri problemi ereditati dai giochi precedenti (oltre ad alcuni nuovi).

Ma se hai già giocato a WRC 9… beh, allora dipende dal tuo amore per la storia del motorsport quando decidi se acquistare o meno la decima puntata. Il World Rally Championship compie 50 anni e KT Racing celebra l’occasione con la nuova modalità 50th Anniversary. È un’alternativa alla carriera standard; una serie di prove a tempo ispirate a eventi famosi e reali (ad esempio la vittoria della Renault Alpine A110 nel Rally dell’Acropoli del 1973), che premiano i giocatori con alcune interessanti informazioni e filmati d’archivio dell’epoca. Pulito.

"Recensione

Nei rally storici gli spettatori sono a volte l’ostacolo più pericoloso lungo la strada.

Quando superi tutte le sfide nella modalità 50th Anniversary, puoi provare un’altra novità in WRC 10. Ora, la carriera arriva con due varianti: Manufacturer Team (che è la modalità standard, quasi inalterata da WRC 8), o Private Team. Quest’ultimo ti consente di acquistare auto da solo e progettare livree originali con il nuovo editor di livree.

Sembra esserci una discreta quantità di novità per un nuovo gioco, soprattutto quando Nacon promette anche quattro nuovi rally per la stagione 2021, sei rally storici (cosa mai vista nei titoli precedenti) e auto più classiche. Sembra un sacco di nuovi contenuti, giusto? Sfortunatamente, dodici mesi da quando WRC 9 non è davvero molto tempo per creare qualcosa di nuovo, specialmente con l’editore che preferisce generare clamore invece di sviluppare giochi davvero brillanti e ama tagliare i contenuti e venderli separatamente come DLC.

Leggi anche  Recensione di The Legend of Zelda Skyward Sword HD: un remaster divertente e fedele

"Recensione

I filmati d’archivio sono una grande ricompensa per i successi nella modalità 50° anniversario.

Quindi sei rally storici significano solo sei prove speciali. Ad esempio, abbiamo il Rally dell’Acropoli 1973, 1983 e 1987, che è, essenzialmente, una SS con tre nomi, con direzioni e condizioni meteorologiche diverse e decorazioni leggermente modificate (come i tagli di capelli stravaganti negli anni ’70). Inoltre, tre di queste tappe “storiche” sono prese in prestito dai rally contemporanei (si possono anche vedere furgoni moderni lasciati fuori a Monte Carlo “presumibilmente 1984”).

Le cose non migliorano quando si tratta di auto nuove. Sembrava molto promettente quando Nacon e KT Racing hanno annunciato che aggiungeranno modelli storici Mitsubishi e Subaru (finalmente!), tra gli altri. Tuttavia, nel complesso ci sono solo cinque nuovi veicoli e alcune varianti leggermente modificate introdotte per le auto disponibili prima (ad esempio la seconda Lancia Delta leggermente più vecchia o un’Audi Quattro meno potente), mentre due di loro fanno parte di un DLC del primo giorno. E quest’ultimo sembra essere… Mitsubishi Lancer e Subaru Impreza.

Siediti e impara, Codemasters!

"Recensione

A volte, WRC 10 può sembrare davvero carino…

Ok, smettiamola di lamentarci per un momento, prima di fare alcune supposizioni errate su questo gioco. A parte la controversa politica dell’editore, WRC 10 è un’ottima simulazione di rally. Tuttavia, non è lo stesso tipo di simulazione hardcore di DiRT Rally. Un termine migliore per descrivere questo gioco sarebbe “simcade”. KT Racing ha trovato il punto debole tra il realismo punitivo e il puro divertimento di scivolare sulla ghiaia. Non è inchiodato al 100%, ma non sono sicuro che tu possa attualmente ottenere una migliore esperienza di sfrecciare lateralmente in curve strette in una potente auto 4×4 WRC.

"Recensione

…ma di solito sembra che abbia un disperato bisogno di un accurato aggiornamento grafico.

Il divertimento diventa ancora migliore quando apprezzi quanto sia interessante il design delle prove speciali. Questo gioco include più di quindici paesi e ognuno ha qualcosa di unico. KT Racing sta facendo un lavoro molto migliore di Codemasters in questo senso, riempiendo i palchi con paesaggi piacevoli (anche se la grafica obsoleta sembra uno di quei problemi che non saranno risolti fino alla fine della serie) e sezioni fantasiose e memorabili, ad es. SS che attraversa una pista nel Rally Estonia appena aggiunto.

Leggi anche  Recensione di The Flame in the Flood – Insoddisfacente gioco di sopravvivenza dai creatori di BioShock

Un’altra vittoria per KT Racing su Codemasters è nella modalità carriera. WRC 10 combina una gestione leggera (ad esempio assumere personale e mantenerlo ben riposato, sviluppare nuove tecnologie o pagare le bollette) con la guida in proporzioni ragionevoli, creando un gameplay complessivamente coinvolgente. Soprattutto perché la guida si presenta in varie forme, non solo partecipando a rally dopo rally stagione dopo stagione (passando da WRC3 a WRC2 ed eventualmente a WRC) ma anche vincendo sfide speciali scelte, come prove a cronometro su pista di prova, eventi storici, o guidare auto danneggiate in condizioni estreme.

Altri problemi (non)riparabili

"Recensione

Le sospensioni nelle auto sono molto più naturali rispetto a DiRT Rally.

Sfortunatamente, ci sono altri problemi che devo menzionare prima di concludere questa recensione. Alcuni di loro sono vecchi “amici”, ereditati dai precedenti giochi WRC, e alcuni sono nuovi arrivati ​​legati a funzionalità appena aggiunte. Prima di tutto, la fisica di guida è eccellente solo nelle auto a trazione anteriore e a quattro ruote motrici. KT Racing non ha ancora affrontato il problema del comportamento imprevedibile, a volte sconcertante, di un veicolo durante la guida fuoristrada. Toccare qualsiasi ostacolo, in particolare le rocce sui lati, può portare a incidenti stranamente spettacolari, con auto che volano alte e lontane. Inutile dire che è una seccatura. Devo anche notare che gli sviluppatori non hanno capito bene la vera trazione integrale; dovrebbe essere molto più minaccioso in Lancia 037, ad esempio, e Renault Alpine A110 di solito si sente quasi come un’auto FWD.

Un’altra cosa è la difficoltà sbilanciata. È molto più evidente di prima poiché la modalità 50th Anniversary non ti consente di armeggiare la sfida a tuo piacimento. Ad esempio, la terza e la quarta tappa in questa modalità (Monte Carlo 1984-5) sono molto, molto più difficili delle due precedenti, mentre la quinta e la sesta ti danno ancora un ampio margine di errore. Quel che è peggio, devi battere tutti quegli eventi nell’ordine specificato se vuoi iniziare la carriera nella nuova variante del team privato e nelle auto da corsa con la tua livrea. Non chiedetemi perché gli sviluppatori hanno incluso tali restrizioni nel gioco, non ha alcun senso nemmeno per me.

"Recensione

È una bella livrea quella che hai lì, sarebbe un peccato se qualche loghi o adesivi incontrollabili la rovinassero…

Leggi anche  Xenoblade Chronicles: Recensione dell'edizione definitiva – Avventura epica, buon remaster!

"Recensione

Ogni rally ha qualcosa di unico e il Kenya è forse il più unico di tutti.

Tuttavia, la tua livrea non è un grosso problema come potrebbe sembrare. KT Racing non ha pensato bene all’editor di livrea. Il gioco ti consente di mettere adesivi scelti sull’auto e scegliere gli sponsor… ma non puoi posizionare i loro loghi liberamente. Di conseguenza, possono rovinare la tua composizione, soprattutto perché quei loghi sono nascosti durante la modifica della livrea. Geniale, vero? Lo stesso vale per un’altra nuova funzionalità, ovvero la scelta della quantità specificata di pneumatici per l’intero rally all’inizio dell’evento. È una bella idea, ma si rivela un po’ inutile se il gioco non ti mostra le superfici delle fasi particolari nella schermata di gestione delle gomme.

Per fortuna, ci sono anche alcuni miglioramenti apprezzati che non risultano avere effetti collaterali irritanti, come la possibilità di decidere quanto sarà lungo ogni rally (cioè di quante tappe sarà composto). Ci sono anche alcuni nuovi eventi nella modalità carriera che ti consentono di gestire il tuo equipaggio in modo più efficiente. Inoltre, il navigatore è stato leggermente rinnovato con l’aggiunta di linee immersive opzionali per loro.

Un degno avversario per DiRT Rally

"Recensione

Le tappe in Svezia e Monte Carlo potrebbero non essere state modificate dal WRC 7 o anche prima, ma sono comunque entusiasmanti da guidare.

Riassumiamo. Nonostante i numerosi problemi, voglio sottolineare ancora una volta che WRC 10 è un ottimo gioco. Tuttavia, ne sono leggermente deluso. Speravo che KT Racing e Nacon facessero un passo avanti nel colmare il divario tra Codemasters. Questa puntata aveva un enorme potenziale grazie a buone idee come l’aggiunta della modalità Anniversario con rally storici e auto più classiche, ma non l’ha soddisfatta. Temo che altri dodici mesi prima dell’uscita di WRC 11 non saranno sufficienti per battere DiRT Rally, e poi Nacon perderà la licenza.

Ad ogni modo, qui e ora, abbiamo un altro simulatore di rally molto solido che dovrebbe essere considerato una valida opzione per ogni appassionato di questa forma di corsa, che preferisce divertirsi sulla ghiaia al realismo estremo e punitivo. E questa non è una frase che potevi sentire solo tre anni fa. Quindi, ricorderò il WRC di Nacon e KT Racing con nostalgia? Lo farò sicuramente. Anche se stavo maledicendo la politica dei DLC dell’editore così tante volte.

Sebastian schneider
Sebastian schneiderhttps://midian-games.com
eSportler Dies ist kein Beruf, es ist ein Lebensstil, eine Möglichkeit, Geld zu verdienen und gleichzeitig ein Hobby. Für Sebastian gibt es auf der Seite einen eigenen Bereich - "Neuigkeiten", wo er unseren Lesern über die jüngsten Ereignisse berichtet. Der Typ widmete sich dem Gaming-Leben und lernte, die wichtigsten und interessantesten Dinge für einen Blog hervorzuheben.

Recensione di Armikrog: il successore spirituale di The Neverhood tiene insieme?

Un gioco di avventura in argilla punta e clicca creato dalle persone dietro The Neverhood suona come un sogno diventato realtà per molti...

La recensione di Final Station – prossima tappa: post-apocalisse

Fin dal primo trailer, The Final Station sembrava un figlio innamorato di This War of Mine e della "vecchia ma dorata" Transartica. Sembra...

Recensione di The Legend of Zelda Skyward Sword HD: un remaster divertente e fedele

Un decennio dopo la sua uscita originale, The Legend of Zelda: Skyward Sword HD arriva finalmente su Switch completamente rimasterizzato con grafica HD...

Recensione Outriders – Gioco solido, ma per gusti specifici

Questo sparatutto basato sulla trama prospera come lo vedi giocare. Una volta finito, ti chiederai cos'altro puoi fare senza annoiarti. In una...

Recensione di The Witcher Monster Slayer: Mild Hunt

L'idea di giocare nei panni di uno strigo e di vagare per le terre alla ricerca di mostri da scoprire e da cacciare...